Post più popolari

domenica 6 agosto 2017

Lamentarsi dell'Italia e lamentarsi della gente

Quando si vive all'estero e si torna in Italia -come ho fatto io ora, giusto in tempo per sfuggire al tempo di Mordor e tuffarmi nella calura Padana -si incontrano sempre delle persone che attaccano con la solita canzone "Aaaaah ma tu vivi in Germania e li' e' tutto bello, tutto funziona, i treni arrivano in orario manco noi nel ventennio".

Uno degli scopi del mio blog, come gia' ho discusso, e' sfatare questi stereotipi. L'estero e' visto spesso come una sorta di entita' con la lettera maiuscola dove tutti stanno a ingozzarsi come maiali e a guadagnare senza far nulla mentre in Italia si suda e si lavora per un tozzo di pane. Odio distruggere i sogni altrui, ma l'estero non e' meglio dell'Italia. Non e' neanche peggio. E' diverso in gradi differenti. Ci sono dei Paesi dove si guadagna di piu', ma fa piu' freddo. Ci sono posti dove la gente e' insopportabilmente altezzosa ma  non si fa mai i cavoli tuoi. In alcune citta' i servizi pubblici funzionano benissimo ma e' pieno di spazzatura. Insomma, ovunque si vada al mondo ci sara' qualcosa che ci piacera' o qualcosa che non ci piacera', e sta a noi prendere le scelte che piu' ci si addicono. Tipo, se ti piace la pasta al forno della tua mamma la domenica e' giusto stare in Italia. Se sei una ricercatrice in scienze sociali e' meglio che te ne vai in Germania. Chiaro e semplice.

(Il discorso e' ovviamente molto generico. Ci sono ovviamente posti che sono una merda e basta. Mi dicono, per esempio, Gerusalemme Est e Busto Arsizio)

Questa e' una foto di Colmar in Alsazia, che e' molto bella

Per esempio, parliamo del glutine. Essendo io una sfigata celiaca, ogni volta che torno in Italia mi sopporto i cori di "poooooverina, chissa' qui com'e' difficile... sara' meglio negli Stati Uniti, no?".
No. 
Premettendo che io non ho girato tutti i posti del mondo, se decidete di essere cosi' sfigati da non poter mangiare il glutine, secondo me conviene nascere in Italia. 

Perche' in Italia esiste l'AIC che e' la mia associazione preferita con la mia pagina internet preferita che ti spiega per filo e per segno cosa e dove mangiare. Ogni volta che giro in Italia ho sempre un'ampia scelta di pasta, pizza, o bar per celiaci, e in ogni supermercato trovo i prodotti senza glutine. Lasciamo stare che se fossi residente in Italia questi prodotti mi sarebbero anche rimborsati.

In Giappone e in Corea, quando spiegavo che non potevo mangiare il glutine, mi guardavano come fossi un'aliena e mi davano cibo Halal (grato ad Allah ma glutinosissimo)
In Colorado chiunque mangiava senza glutine ma solo per stupidita' moda, cosi' i ristoranti spesso servivano piatti "gluten free" cosparsi di pane e nei supermercati a volte prodotti che contengono glutine sono venduti come senza glutine (questo perche' le uova Kinder sono troppo pericolose per essere vendute, ma intossicare gli intolleranti va benissimo).


Ho riflettuto su questa cosa nel fare un piccolo road trip dalla Germania all'Italia passando per l'Alsazia. Che, tra parentesi, e' bellissima, quindi andateci.

Foto di una casa alsaziana con il balcone fiorito, che sono la spcialita' della regione. I comuni hanno anche un numero di fiori che gli sono assegnati in base alla qualita' della vita e della natura


Ho trovato dei posti senza glutine deliziosi, dove ho comprato biscotti, cioccolato, e i macaron. 
I macaron sono la cosa piu' buona del mondo e ora voglio andare tutti i giorni in un posto che si chiama "L'Eden Sans Gluten" che ho visitato una settimana fa ma gia' mi sveglio di notte pensandoci.

Io di solito amo l'anonimato sul mio blog ma vorrei mostrarvi questo selfie di me stessa con il mio migliore amico Macaron prima che lo inghiottissi


Certe volte pero' e' stato difficile, come sempre, considerando per esempio che a Mordor non c'e' nessun ristorante specificamente per celiaci e cosi' lo stesso in molte citta' tedesche.

Certe volte la gente pensa (e pure io pensavo) che la sfiga della celiachia sia non mangiarsi la pizza buona. Che, per carita', manca. Ma quando la gente mi dice "Ah io senza pizza morirei, non so come fai!" mi viene da sorridere. La cosa che mi manca e' fare una vita normale, chissenefrega della pizza.

Il problema maggiore della celiachia, secondo me, non e' la pizza, ma la gente. Che, non so se avete notato, per la maggior parte delle volte e' stupida.

Per esempio, a Trier ho chiesto ad un ristorante se c'era glutine in un piatto e il cameriere ha risposto stizzito "Eh, lo devi sapere tu cosa puoi mangiare, non io!"
Ecco, io lo so cosa posso mangiare. Pero' non so se nella cazzo di salsina al curry ci hai messo la farina per addensare, se l'insalata e' servita con il pane, o se le patate sono gratinate. Ho io potere di leggerti nella mente? Ho io facolta' paranormali datami dal danneggiamento nei miei villi intestinali? Non credo proprio.

In Alsazia, invece, dopo che io ho studiato il menu ampiamente e mi sono preparata tutti le domande da fare, e tutti gli altri hanno ordinato, il cameriere si e' ricordato di avere il menu' con gli allergeni. Non all'inizio, quando sono entrata ed ho spiegato che ero celiaca, ma alla fine, giusto per farmi ordinare dopo tutti gli altri e proprio marchiarmi come quella diversa. Questo menu' ce l'hanno piu' o meno tutti i ristoranti in Germania e in Francia, ma certe volte sta negli angoli umidi e serve come coperta per i cani, e il contenuto e' fatto di numeri e codici da decifrare con la sequenza di Fibonacci. Cosi' ho preso questo menu e mi sono accorta che quasi nulla era senza glutine, nonostante il locale dicesse di essere attrezzato per i celiaci. Cosi' no, non mi manca la pizza, pero' un po' mi manca non poter mangiare una cosa buona quando l'unico piatto che non mi uccide e' la trota con i crauti.

Lasciando stare il ristorante tailandese dove ho chiesto 50 volte se era tutto gluten free e loro mi hanno trattato come una stupida rompiscatole, e invece poi ho visto che usavano della salsa di soja con il glutine. 

Casetta alsaziana molto stretta con i tipici motivi geometrici della regione


In generale, molti camerieri alla parola glutine incrociano gli occhi e/o sbuffano, o dimostrano incredulita' assoluta. Ora, io non voglio giudicare i camerieri. Molti di loro saranno filosofi che non trovano lavoro o ragazzi intelligentissimi che sono finiti a fare quel lavoro per sbaglio. Pero' UNA cosa dovrebbero sapere, e ovvero quello che sta nei piatti che servono. Manco quello si imparano? Non e' che dico che debbano impararsi quattro lingue e prendere un dottorato. Giusto sapermi dire cosa posso mangiare e cosa no, o essere svegli abbastanza da andare a chiederlo al cuoco. 

Queste esperienze riflettono un po' la stupidita' generica del genere umano. Premesso che neanche io sapevo una mazza sulla celiachia quando me l'hanno diagnosticata, non ci ho messo tantissimo a capire che dovevo evitare farina, pane, e pasta.

Capisco che ci siano sempre i dubbi sul pane di farro, ma se potessi ricevere un buffetto sulla guancia ogni volta che mi sono sentita chiedere "Ma le patate le puoi mangiare? E lo zucchero? E mio nonno in carriola? Eeeeeeh ma non so cosa farti" ora avrei uno zigomo scavatissimo.

E quando io paziente spiego "Si si, posso mangiare tutto questo, e' solo farina, pane, e pasta che devo evitare" puntualmente iniziano "Ma la carne la puoi mangiare? E il vino lo puoi bere? E le barre di amianto? Eeeeeh ma non so cosa farti". 
Sono i momenti in cui non trovo per nulla triste mangiare da sola guardando Netflix.

Poi, quando la gente capisce cosa cucinare, iniziano puntualmente a compiere azioni inconsulte, tipo mettere del pane sull'insalata, aggiungere salse glutinose alla carne, mischiare il formaggio con i crostini.

Quando io gentilmente faccio notare che non posso piu' mangiarlo perche' a questo punto c'e' contaminazione da glutine, partono tutti con "Eeeeeeh ma come fai a ricordarti tutto questo?"
Ricordarsi cosa? Che non devo sbriciolare del pane sulle cose che mangio? Eh, l'ho imparato facendo un dottorato.

E poi il tutto si conclude con il solito "Ah, ma come fa il tuo ragazzo, e' un santo!". E partono versi di sgomento quando dico che noi in casa non mangiamo glutine, che i miei genitori e i miei amici fanno pasti totalmente gluten free quando li vado a trovare. Io lo so di essere circondata da persone deliziose e meravigliose, pero' non dovrebbe essere incredibile il fatto che loro mi evitino il pericolo di stare male e prendano consapevolezza del fatto che io abbia una malattia. Voglio dire, conosco gente che non mangia aglio, cipolla e pomodoro perche' non gli piace il gusto e questi cibi sono bannati per tutta la famiglia, pero' io che evito il pane perche' mi erode lo stomaco sono una persona difficile. 

In Italia non e' sempre il paradiso, ma spesso la gente capisce con piu' velocita'. Certo, ho passato una festa di matrimonio orribile dove mi hanno lasciata senza cibo, ma il piu' delle volte i camerieri sanno cos'e' il glutine. La gente vede i prodotti senza glutine al supermercato e me li compra. I posti certificati senza glutine sono tanti e non mi capita quasi mai di dove mangiare l'insalata del supermercato scondita in macchina. 

Insomma, quando vi lamentate dell'Italia, pensate che a volte, per qualcuno -ovvero, per me quando ho fame -e' il Paese migliore del mondo.

(Per quanto l'Alsazia sia bellissima ed e' piena di cicogne) 

Foto di una cicogna, animale bellissimo e maestoso





10 commenti:

  1. il luogo comune "Italia = tutto male e estero = tutto perfetto" è qualcosa che detesto anche io. Riguardo alla celiachia posso solo offrirti tutta la mia comprensione. Una volta ho avuto a cena una persona celiaca e vegana e con un poco di organizzazione ho lo stesso preparato un pasto di tre portate, senza terribili difficoltà. Per quanto riguarda l'Alsazia, hai ragione, è bellissima (ma la cucina alsaziana è terribilmente pesante, per quanto ottima). A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho un'amica vegana e quindi ho scoperto tutto un mondo di cibo vegano - gluten free per poter mangiare assieme... ad ogni modo la trota con i crauti (e il lardo) non me la sono inventata, e' davvero un piatto tipico alsaziano! Bello leggero...

      Elimina
  2. Io devo dire che conosco più persone italiane che una volta andate all'estero schifano l'Italia e a me stanno un po sulle palle perchè, ecco, anche no 😁

    Io per le mie allergie ho problemi ovunque, quindi appoggio pienamente il tuo discorso. In Svezia mi hanno dato una roba piena di pinoli, nonostante avessi specificato (sono così maniacale che quando vado all'estero, imparo i nomi delle cose a cui sono allergica nella lingua del posto, oltre che ovviamente all'inglese perchè sai mai) e a Lucerna mi hanno mandato in ospedale (con tanto di conto spedito a casa 😂) perchè sono scemi e pensavano scherzassi, ma vabbè va 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gente che pensa che io scherzi con intolleranze e allergie si merita che gli vomiti sul tappeto...

      Elimina
  3. Nella mia famiglia pare ci sia una certa predisposizione alla celiachia, io per fortuna non ne sono toccata ma è verissimo che essere italiani celiachi residenti in Italia aiuta tanto!
    Non solo per il supporto economico ma anche per la sensibilità verso il tema.
    Il fatto che poi mangiare senza allergeni sia diventato di moda è purtroppo un grosso problema...che non fa altro che aumentare l'ignoranza, sminuire il problema e frustrare i camerieri che non si prendono la briga di capire esattamente la differenza fra chi ne ha veramente bisogno e chi no.

    In Alsazia, a Strasburgo esattamente, ci ho vissuto tanti anni fa, ho dei bellissimi ricordi! E si, anche del cibo, che non sarà il più leggero del reame ma sicuramente è saporitissimo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strasburgo non l'ho vista, ma e' sulla mia lista per la prossima gita in Alsazia!

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Giupy facci un post tipo "ho un'amica celiaca a cena, 10 piatti facili" così sappiamo come organizzarci! Una volta quando eravamo in Norvegia venne una cara amica celiaca ed io ho davvero faticato a inventarmi delle alternative ai miei piatti tipici, e la barriera della lingua non ha aiutato per niente finché finalmente ho trovato del pane senza glutine e ho potuto fare le mie famose polpette al sugo. Dai, aiuta noi poveri ignoranti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farei, ma c'e' chi l'ha gia' fatto meglio di me: http://lagaiaceliaca.blogspot.it/p/aiuto-ho-un-celiaco-cena.html

      Elimina
    2. Grazie vado a curiosare ;)

      Elimina